Home » La street art a Berlino, le tappe da non perdere

La street art a Berlino, le tappe da non perdere

Di Camilla
Street art Berlino-Urban Nation-Berlino-Berlin-Germany-Germania-Europa

 – Berlino e la street art –

Per gli amanti della street art a Berlino c’è veramente un mondo da scoprire, e non mi riferisco soltanto alla stupenda e famosa East side gallery. Molti quartieri della capitale tedesca sono ricchi di murales e c’è addirittura un museo interamente dedicato all’arte urbana.

Io ho un debole per Berlino: ci sono stata due volte a distanza di dieci anni e in ognuno di questi viaggi mi sono trovata davanti una città dinamica, alternativa, vibrante, ricca di storia ma anche di movimenti culturali ed artistici. Le cose da vedere a Berlino sono veramente molte e tra queste non puoi tralasciare i suoi murales, anche perché sarà impossibile non imbatterti in alcuni di essi, soprattutto in certi quartieri.
Ecco quindi un elenco delle tappe imperdibili per scoprire la street a Berlino.

street art Berlin-Kreuzeberg-Berlino-Berlin-Germany-Germania-Europa

Uno dei colorati pezzi di Berlino

Street art a Berlino

La simbolica East side gallery

Impossibile non partire con quello che è uno dei simboli di Berlino: l’East side gallery, il tratto di muro completamente ricoperto di graffiti. Durante gli anni della separazione, dalla parte ovest il muro era già stato coperto con murales, che avevano anche lo scopo di desacralizzarlo; ma dalla parte est era completamente grigio (se vuoi scoprire di più di quel periodo ho scritto un articolo proprio dedicato alla Berlino divisa con tutte le cose da vedere).

Dopo la caduta, per celebrare lo storico cambiamento e il nuovo senso di libertà, furono chiamati artisti da venti paesi diversi a dipingere il tratto di muro in Mühlenstrasse: oltre un chilometro, con circa 100 murales. Molti sono ormai celebri, come il bacio fraterno o la trabant che sfonda il muro. Negli anni 2000 molti artisti sono stati chiamati a risistemare, se non rifare, le loro opere rovinate dal tempo e da qualcuno che vi aveva scritto sopra. Sbircia anche dietro al muto, perché anche da quel lato ci sono delle opere. Oggi è considerata la galleria di street art più lunga al mondo.

 

Urban Nation, il museo d’arte urbana di Berlino

L’Urban nation è stata una vera scoperta per me: non mi era mai capitato di vedere un museo dedicato all’arte urbana. Si trova in Bülowstraße 7 ed è gratuito. Oltre ad essere una tappa d’obbligo in un tour della street art a Berlino, è uno dei luoghi più particolari della città (ne ho infatti parlato anche nell’articolo sulla Berlino alternativa).

Quando ci siamo stati noi i pezzi erano straordinari. La particolarità è che il museo è articolato in una parte al chiuso e una all’aperto: nelle vie intorno infatti ci sono graffiti bellissimi, alcuni anche in 3D. L’intenzione di questo interessante progetto, che coinvolge artisti provenienti da tutto il mondo, è quella di dimostrare anche il potere sociale e architettonico di questa forma d’arte.

I murales di Haus Schwarzenberg

Haus Schwarzenberg, in Rosenthaler 39, è uno dei cortili nascosti di Berlino ed è forse uno dei più colorati. In questo spazio neanche troppo grande, che quasi passa inosservato dalla strada, si trovano negozietti di design, mostre, musei, locali e soprattutto tanti graffiti. Anche qui le opere cambiano nel corso del tempo, durante la nostra visita c’erano pezzi decisamente d’effetto.

Street art a Berlino tra Kreuzberg e Friedrichshain

Uno dei quartieri più ricchi di street art a Berlino è indubbiamente Kreuzberg: non c’è parete o serranda che non abbia un graffito. L’area è molto ampia e probabilmente ti capiterà ti andarci più volte se sei alla ricerca anche di locali particolari (se vuoi qui trovi qualche idea su dove mangiare e bere a Berlino).

murales Berlino-street art Berlino-street art Berlin-Berlino-Berlin-Germany-Germania-Europamurales Berlino-street art Berlino-street art Berlin-Berlino-Berlin-Germany-Germania-Europa

Uno dei murales di Kreuzberg

Dall’astronauta ai pezzi di Blu

Tra i più famosi murales di Kreuzberg c’è sicuramente l’Astronauta di Victor Ash su Skalitzer Straße, all’angolo con Mariannen Strasse. Purtroppo noi l’abbiamo visto di notte.  Per gli amanti della street art una tappa imperdibile a Berlino è la zona dopo l’Oberbaumbrücke: èuno dei ponti storici della capitale tedesca, costruito inizialmente in legno nel 1724 e poi rifatto in pietra per renderlo più robusto. Fu zona di passaggio durante la Germania divisa ed è oggi simbolo del nuovo quartiere Friedrichshain-Kreuzberg.

Friedrichshain-Street art Berlin-Berlino-Berlin-Germania-Germany-Europa

Uno dei murales di Friedrichshain

Si trova vicino all’East Side gallery e si attraversa andando dal lato opposto della storica galleria di graffiti. Sui palazzi subito dopo il ponte ci sono dei pezzi straordinari: in primis Leviathan del writer italiano Blu. Si tratta di un gigante uomo fatto di omini che mangia altri omini: è impressionante. Accanto, ci sono alcune opere in 3D.  Proseguendo dopo il ponte su Köpenicker Straße si possono ammirare altri interessanti murales, tra cui un’altra delle opere berlinesi di Blu: pezzi di muro diventano banconote da 100 euro. Ma sulle pareti di Kreuzberg hanno lasciato il loro segno tanti noti writer, come i fratelli brasiliani Os Gemeos, con i loro uomini in giallo, e il belga Roa, con il graffito degli animali appesi a testa in giù.

Anche il lungo viale Karl-Marx-Allee (che in parte ricade sotto Kreuzberg) è ricco di murales, se lo percorrerai ogni tanto alza lo sguardo. Sarà facile imbattersi in qualche grande opera sulla facciata di un palazzo.

Tra i pezzi più interessanti visti a Berlino c’è anche quello che rappresenta un writer che dipinge il volantino di un negozio di elettronica: a me è piaciuto molto, con il suo richiamo al rapporto tra espressione artistica e uso commerciale.

murales Karl-Marx-Allee-Berlino-Berlin-Germany-Germania-Europa

Il writer che dipinge il volantino pubblicitario

I murales del Raw tempel

Anche del Raw ho parlato nell’articolo sulle tappe alternative a Berlino: questo ex spazio industriale diventato centro culturale e per il divertimento è completamente ricoperto di murales. Se cerchi la street art di Berlino non puoi non fare tappa qui. Tra l’altro è pieno di locali, quindi puoi passeggiare osservando le opere e poi fermarti in uno dei vari bar.

 

raw-Raw tempel-Berlino-Berlin-Germania-Germany

All’interno del Raw tempel

How Long is now, una delle icone di Berlino

How Long is now è probabilmente uno dei più famosi murales di Berlino, realizzato su quella che era la facciata del Kunsthaus Tacheles (La casa dell’arte). Quest’edificio mezzo diroccato dal passato piuttosto complicato (doveva essere un magazzino commerciale, poi fu occupato dalle SS, dai Russi e in parte distrutto dai bombardamenti), negli anni ’90 diventò uno dei poli della controcultura berlinese: un gruppo di artisti ne bloccò la demolizione, l’occupò e lo trasformò in un fervente centro sociale e d’arte contemporanea. Divenne un simbolo dell’anima creativa e alternativa di Berlino.

how long is now-Berlino-Berlin-Germany-Germaniahow long is now-Berlino-Berlin-Germany-Germania

Il simbolico murales alla Casa dell’arte, Kunsthaus Tacheles

Ospitava laboratori di artisti, mostre e diversi locali. Purtroppo anni fa fu chiuso (passò di mano da una società ad una banca) e, nonostante le numerose proteste, alla fine gli artisti furono costretti ad andarsene. Riconosciuto il valore storico e simbolico dell’edificio però non è stato demolito del tutto, ma pare sia stato inserito in un progetto di riqualificazione. Noi abbiamo avuto la fortuna di andarci nel nostro primo viaggio a Berlino: era uno di quei posti che restituivano al meglio l’anima underground della città. Oggi però è possibile almeno vedere lo storico murales: How Long is now è ancora lì.

Il cuore al Prinzessinnengarten

Un’angolo secondo me da non perdere se sei amante dell’arte urbana è quello nei pressi del Prinzessinnengarten, di fronte alla Design akademie Berlin. Per puro cosa ci siamo trovati di fronte un’opera molto particolare, questo grande cuore appeso. Sicuramente di grande impatto. Dal lato opposto, al piano terra della Design akademie c’è poi un graffito bellissimo.

Street art a Berlino, un giro sulla metro

Uno dei modi per ammirare alcune bellissime opere di street art a Berlino è quella di fare un giro in metro. Molti tratti infatti sono sopraelevati e passando con il treno si vedono pezzi straordinari. A noi è capitato più volte, ad esempio, salendo alla fermata dello zoo.

Spero che questo tour della street art a Berlino ti sia piaciuto, di opere ce ne sono tantissime ed è impossibile elencarle tutte. Non ti resta che visitare la città e scoprire le altre.

.

.

Condividi l'articolo!

2 Commenti

Cosa visitare a Berlino: tutte le tappe da fare nella capitale tedesca 16 Maggio 2019 - 21:55

[…] Urban nation: il museo d’arte urbana (A proposito di arte urbana, qui trovi un articolo sulla street art a Berlino) […]

Reply
Berlino divisa: il muro e la vita nella Germania est - E allora parto 16 Maggio 2019 - 21:53

[…] Tappa obbligata a Berlino è sicuramente l’East side gallery: la porzione di muro vicino alla stazione Ostbahnhof completamente ricoperta di murales. Dopo la caduta del muro questa parte fu affidata ad artisti provenienti da tutto il mondo perché la dipingessero con opere ispirate alla pace. Oggi è un luogo simbolico ma anche molto turistico. (I murals dell’East side gallery non sono gli unici della capitale tedesca: Berlino è piena di street art) […]

Reply

Scrivi un commento

Questo sito utilizza cookies per migliorare l'esperienza di uso. Fornisci il tuo ok o scopri di più per gestirli come preferisci. Accetta Leggi di più