Home » Le più belle stazioni della metropolitana di Stoccolma

Le più belle stazioni della metropolitana di Stoccolma

Di Camilla
La metropolitana di Stoccolma-Stadion-Tunnelbana-Stoccolma-Svezia-Europa

– Stazioni della metropolitana di Stoccolma –

Un museo sotto terra, fatto di colori, paesaggi, rimandi al futuro e al passato; una galleria d’arte che rende più piacevoli spostamenti e attese, trasformando luoghi di passaggio in tappe di un percorso fatto di bellezza e sorprese: è la metropolitana di Stoccolma.

In un elenco di cosa fare a Stoccolma, un giro nella metro è assolutamente uno dei punti da inserire. Le tunnelbana (com’è chiamata la metro in Svezia) è stata costruita a partire dagli anni ‘50, è lunga 110 chilometri e conta un centinaio di fermate, di cui 90 decorate nei modi più vari. Molte di esse hanno mantenuto la pietra sotterranea a vista come in una grotta, arricchendola però con effetti e colori che la rendono unica. L’idea di trasformare le stazioni della metro in luoghi d’arte è venuta a due artiste Vera Nilsson e Siri Derkert, ed è stata subito accolta dall’amministrazione locale.

L’intenzione era quella di mettere l’arte alla portata di tutti, rendendola accessibile a chiunque in luoghi molto frequentati (è lo stesso principio alla base delle stazioni dell’arte di Napoli).

Con il tempo anche le fermate costruite prima della proposta sono state risistemate aggiungendo elementi artistici.

La metropolitana di Stoccolma

Vedere tutte le stazioni della tunnelbana richiederebbe veramente molto tempo e per chi si ferma pochi giorni è difficile, ma il mio consiglio è di prenderti almeno due o tre ore per scoprire le più belle e scenografiche. Alcune sono piuttosto semplici, altre però sono straordinarie, da rimanere a bocca aperta. Per facilitarti la visita ti suggerisco quelle che a me hanno colpita di più. Le ho raggruppate per linee, così sarà più facili districarsi.

La metropolitana di Stoccolma: le stazioni più belle

  • T-centralen

T-Centralen, nota anche semplicemente come Centralen, è l’hub principale della metro di Stoccolma, dove si incontrano le 3 linee. L’artista Per Olof Ultvedt ha scelto per questa fermata le tinte del blu con il quale ha dipinto fiori e foglie stilizzati, ma anche uomini al lavoro, in riferimento agli operai che l’hanno costruita. Secondo alcuni critici, colore e motivi sono stati scelti per creare un ambiente più rilassante, una sorta di pausa simbolica per i viaggiatori che di solito vanno di corsa, spesso nel tentativo di non perdere le coincidenze tra una linea e l’altra.

T-centralen-metro stoccolma-Tunnelbana-Stoccolma-Svezia-Europa

T-Centralen

La linea rossa della metro

  • Stadion

Una delle stazioni della metropolitana di Stoccolma che più colpiscono il visitatore è sicuramente Stadion, sulla linea rossa, con il suo arcobaleno che ricopre le pareti di roccia azzurra (foto d’apertura dell’articolo). Si tratta di un omaggio anche alle olimpiadi del 1912, che si svolsero proprio in quell’area. I colori non sono protagonisti solo sul soffitto, ma anche in altri elementi decorativi in cui ci si imbatte passeggiando lungo corridoi e banchine.

Stadion-metropolitana stoccolma-stoccolma-svezia-europa

Stadion

Coincidenza vuole che questa stazione sia anche quella più vicina al pride festival che si svolge a Stoccolma.

  • Mörby Centrum

Non è forse una delle più appariscenti, ma a me è piaciuta tantissima: sto parlando della stazione Mörby Centrum, sempre sulla linea rossa. La particolarità è data dalla decorazione di strisce pastello con sopra una sorta di nuvola bianca (è la roccia lasciata nella forma naturale ma dipinta di bianco). I colori creano un effetto ottico: a seconda di dove si guarda la parete si vede una prevalenza di rosa o di verde.

Mörby Centrum-tunnelbana-stoccolma-svezia

Mörby Centrum

L’artista voleva enfatizzare il cambiamento del paesaggio in un viaggio e, più in generale, il cambiamento di percezione che avviene dal punto di partenza alla destinazione.

  • Tekniska Högskolan

Un affascinante viaggio nella scienza: è questo che offre la stazione Tekniska Högskolan, sulla linea  rossa, nei pressi dell’istituto di tecnologia da cui trae il nome. Le opere d’arte di questa stazione della metropolitana di Stoccolma sono infatti proprio un richiamo alle scoperte scientifiche: una serie di scenografici rimandi ai 5 elementi di Platone, all’eliocentrismo di Copernico, alle leggi di Newton e non solo.

Tekniska Högskolan-metropolitana stoccolma-stoccolma-tunnelbana.svezia-europa

Tekniska Högskolan

  • Kungsträdgården

Una delle fermate più spettacolari della metro di Stoccolma è probabilmente la Kungsträdgården, al termine della linea blu (almeno fino a quando non faranno il nuovo tratto previsto per il 2025). La fermata si trova nei pressi del Kungsträdgården, uno dei più antichi giardini pubblici situato dove prima era la maestosa residenza di Makalos e i giardini francesi. I rimandi al parco e al palazzo nobiliare sono ovunque, come ad esempio i colori – rosso, bianco e verde –, che richiamano quelli dei giardini francesi.

Kungsträdgården-tunnelbana-stoccolma-svezia

Kungsträdgården

Ci sono poi statue intere e mezzi busti, balconi, colonne, mosaici, un grande portone verde, una fontana con l’acqua che sgorga dalla roccia e soffitti colorati. Più che in una fermata della metro sembra veramente di essere in una palazzo nobiliare.

  • Solna Centrum

Solna Centrum, sulla linea rossa, è un’altra di quelle stazione della metro da non perdere: il viaggiatore viene accolto in una foresta all’ora del tramonto, quando tutto si tinge di rosso. Il verde della natura e il rosso fuoco del cielo creano un impatto visivo fortissimo.

solna centrum-tunnelbana-stoccolma

Solna Centrum

Inizialmente la stazione doveva essere solo verde e rossa, ma alla fine gli artisti aggiunsero una serie di dettagli lasciandosi andare all’improvvisazione. L’opera ha anche un significato sociale perché richiama il grande dibattito sull’ambiente e sullo spopolamento delle aree rurali.

solna centrum-tunnelbana-stoccolma-svezia

Lungo i binari di Solna Centrum

  • Östermalmstorg

Östermalmstorg, sulla linea rossa a circa 23 metri sotto terra, è la terza stazione più in profondità di Stoccolma. Le pareti sono ricoperte di disegni di cui i più importanti sono quelli di Siri Derkert. Le opere richiamano la pace, parola scritta più volte e in lingue diverse, ma anche la parità delle donne, temi molto cari all’artista. I disegni infatti rappresentano figure che si sono battute per l’uguaglianza e i diritti delle donne.

Linea blu della metro

  • Solna Strand

Pezzi di cieli azzurro e nuvole bianche trasformati in grandi cubi che escono da soffitto e pavimento in un contrasto netto con il nero della grotta. La stazione di Solna Strand sulla linea blu, grazie all’artista giapponese Takashi Naraha, gioca con lo ying e lo yang (a cui l’artista fa spesso riferimento nelle sue opere) e con la contrapposizione tra colori/luce e il buio della grotta. Trovare pezzi di cielo sotto terra è una boccata d’ossigeno e di allegria.

Solna Strand-tunnelbana stoccolma-metro Stoccolma-stoccolma-Svezia-Europa

Lungo i binari di Solna Strand

Linea verde

  • Thorildsplan

A Thorildsplan, sulla linea verde, invece di salire su un treno della metro ti sembrerà di entrare in un video gioco: per chi come me è nato negli anni ’80 è un vero viaggio nel tempo. Questa stazione, una delle poche della metropolitana di Stoccolma che è a livello strada e non sottoterra, fu costruita nel 1952 ma piastrellata con i decori che si vedono ora solo nel 2008.

 

Come anticipato ci sono anche altre interessanti stazioni ma vederle tutte richiede molto tempo, per questo tra tutte le tappe che ho fatto ho deciso di inserire qui quelle che secondo me non dovresti perderti. Buon viaggio!

.

.

 

Condividi l'articolo!

Scrivi un commento